voglia d’estate

Il 21 giugno si celebra il solstizio d’estate e anche la giornata internazionale dello yoga. Le ore di luce sono maggiori e le temperature cominciano ad essere elevate. Abbiamo voglia di stare all’aria aperta, di stare più alzati la sera, di trascorrere più tempo con gli amici, di viaggiare, di essere più leggeri e spensierati, di re-inventarsi, di maggiori sorrisi e di gioia. Abbiamo voglia d’estate, colore, vacanze, nuovi incontri.

In estate siamo più portati ad esporre il corpo alla luce e al caldo, come se simbolicamente avessimo bisogno di toglierci un po’ dei pesi accumulati, di aver bisogno di meno cose, di essere più leggeri, di “camminare con un bagaglio più leggero”.

caldo

L’estate può essere anche pesante se il caldo diventa troppo eccessivo, per l’afa molto forte nelle città, per la sonnolenza che ci prende dopo pranzo, per le zanzare fastidiose, per l’insonnia da troppo caldo notturno.

Facciamo attenzione quando il caldo diventa troppo eccessivo perché la pressione arteriosa potrebbe abbassarsi, l’afa porta spossatezza e sonnolenza, potremmo avere problemi di sudorazione eccessiva, affanno, capogiri, problemi di digestione oppure legati alla circolazione sanguigna delle gambe.

un piccolo aiuto

In questa stagione per il nostro corpo è importante immagazzinare un po’ dell’energia del sole stando all’aria aperta, attraverso la pelle, gli occhi ma possiamo farlo anche attraverso l’alimentazione. Prendiamoci cura anche di ciò che mangiamo e rimaniamo ben idratati, ma non beviamo bibite ghiacciate  o alcolici.

Le temperature più alte dell’estate, quando non troppo elevate, aiutano la circolazione periferica del nostro corpo e ad eliminare le tossine accumulate. I nostri capelli tendono a crescere di più. La pelle appare più luminosa ed elastica. Il calore aiuta il corpo a rilassarsi.

Indossiamo abiti comodi e possibilmente di tessuti che favoriscano la dispersione del calore.

Pratichiamo attività all’aperto la mattina presto oppure la sera, quando le temperature sono più basse, e cerchiamo di non eccedere nell’intensità della pratica. Il contatto con la natura ci rigenera, ci aiuta a scaricare lo stress, aiuta a liberare la mente, fortifica il sistema immunitario.

sole

Stare maggiormente all’aria aperta ha risvolti positivi sul nostro umore, sulle ossa, la pelle e il sistema immunitario. Non possiamo ignorare il benefico effetto del sole e della sua luce sul nostro umore, sui nostri atteggiamenti e la nostra vitalità.

Esporci al sole aiuta la fissazione del calcio nelle nostre ossa, aiuta la pelle a rinnovarsi, assicura l’aumento dei valori di vitamina C circolante, ci aiuta producendo ormoni tra cui la serotonina che è importante per il riequilibrio dell’umore e ha proprietà antidepressive.

Un’esposizione insufficiente alla luce del sole potrebbe essere causa di fatica cronica, livelli più alti degli ormoni dello stress e un aumento del tasso di colesterolo, aumento di tristezza e apatia.

Cerchiamo di evitare una eccessiva esposizione al sole soprattutto nelle ore più calde. Proteggiamo la nostra pelle. Possiamo rimanere comunque all’aperto ma sotto un portico oppure all’ombra di un albero. Se possiamo nella nostra giornata concediamoci 15/30 minuti di pausa riposante al buio. Rinfreschiamoci con docce e bagni non troppo freddi.

piccoli cenni di ayurveda

La regola generale che viene suggerita dall’ayurveda è che per mantenerci in equilibrio dobbiamo adottare comportamenti opposti alle caratteristiche della stagione che viviamo. Pertanto d’estate cercheremo di scegliere cibi, comportamenti, abiti e pratica yoga rinfrescanti.

Per l’ayurveda l’estate ha attributi simili a pitta dosha che è costituito dagli elementi fuoco e acqua e contiene in sé la forza della trasformazione e le sue caratteristiche sono: caldo, intenso, leggero, aspro, mobile e penetrante. L’estate tenderà a far aumentare pitta dosha e un suo squilibrio potrebbe portare: sensazione di bruciore, perdita di sonno, aumento della fame e della sete, innalzamento della temperatura corporea, sapore amaro in bocca, acidità di stomaco, sentimenti di rabbia e invidia.

Cerchiamo di affrontare la nostra quotidianità e la nostra pratica yoga in modo da cercare di pacificare un eccessivo aumento di pitta dosha che può verificarsi in estate.

Piccoli consigli dal cuore

  • stiamo all’aria aperta non nelle ore più calde
  • esponiamoci al sole ben protetti
  • idratiamoci bene e rinfreschiamo il corpo
  • curiamo la nostra alimentazione
  • sorridiamo, siamo più leggeri e spensierati
  • indossiamo abiti di tessuti naturali e colorati
  • se possibile, viaggiamo e ricarichiamo le nostre batterie interne
  • giochiamo con i nostri figli o nipoti
  • mangiamo un gelato con i nostri genitori o nonni
  • sediamoci all’ombra di un albero a leggere, dipingere, ascoltare musica o meditare
  • leggiamo i libri che abbiamo accumulato sul comodino
  • andiamo a concerti, organizziamo cene con gli amici, socializziamo
  • facciamo una piccola “siesta” al buio

Adattiamo la nostra pratica yoga al cambio delle stagioni. Contattaci per avere ulteriori informazioni sulle nostre lezioni yoga per le stagioni.

1

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec