14
Ott-2021

autunno

comincia l’autunno…

La luce comincia a diminuire, la temperatura si abbassa, le foglie cominciano a seccare e cadere… comincia l’AUTUNNO. Cominciamo a coprirci di più, a mangiare cose più calde, a stare più tempo in casa, nella “nostra tana”.

L’autunno sembra portarci verso noi stessi. Come se fossimo maggiormente invogliati a guardarci di più all’interno. Nel sistemare casa e nel cambio degli armadi per cercare vestiti più adatti alle temperature più basse e come se dovessimo riassestarci, “rimettere ordine” e simbolicamente anche in noi stessi.

cambio di stagione

A volte è difficile salutare l’estate, stagione di espansione, luce, caldo, di voglia di stare all’aria aperta con i famigliari o gli amici magari fino a tarda sera, di voglia di viaggi e di svago. Questo può essere un cambio di stagione un po’ faticoso, forse anche un po’ triste per qualcuno. Cambiano i ritmi, dopo le vacanze estive rientriamo al lavoro, alla routine, cambia la luce a nostra disposizione, c’è più freddo e forse si insinua un po’ di malinconia. In più negli ultimi due anni stiamo vivendo la pandemia da covid che semina incertezza e paura.

cambiamento

Come per la primavera anche l’autunno è un periodo di grande cambiamento, di trasformazione, dove ci viene richiesto un grande ascolto ed una grande attenzione.
Lasciamo che il nostro ritmo cominci a rallentare. I nostri processi di crescita e rinnovamento cominceranno anche loro a rallentare.

Le temperature si abbassano e noi sudiamo di meno. I nostri tessuti possono cominciare ad accumulare scorie e la linfa può ristagnare, ciò potrebbe portare malessere, dolore e/o gonfiore alle articolazioni, lo scorrere della nostra energia vitale comincia a rallentare. Se lasciamo che il nostro corpo si raffreddi, il nostro metabolismo rallenta e potremmo diventare più soggetti a disturbi da raffreddamento, dolori reumatici, infezioni alle vie respiratorie, mal di gola, tosse, febbre con conseguente abbassamento delle difese immunitarie.
Con l’arrivo dell’autunno potremmo sentire anche un aumento dell’appetito, della stanchezza, il desiderio di dormire un po’ di più. Questi fattori NON vanno contrastati, ma assecondati con buone regole di vita, per aiutare il nostro corpo ad adattarsi al nuovo equilibrio, senza forzarlo, senza stressarlo troppo.

un piccolo aiuto

In questo cambio di stagione ci può aiutare una routine il più possibile stabile. Appena rientrati dalle vacanze estive non riempiamo l’agenda di infiniti impegni e troppa attività fisica. Un’attività fisica regolare, svolta quando possibile all’aperto, migliora decisamente il funzionamento del nostro metabolismo perché stimola la produzione di endorfine che contribuiscono a dare una piacevole sensazione di benessere e aiutano a attenuare gli effetti dello stress.

Se l’autunno ci concede belle giornate e una temperatura mite approfittiamone per stare un po’ all’aria aperta, passeggiando oppure andando in bicicletta. La luce naturale ci aiuterà a migliorare il tono dell’umore, attenuare la stanchezza e rafforzare le difese immunitarie.
Cerchiamo di riposare bene perché è fondamentale per il nostro benessere. Proviamo a non rimanere alzati fino a tardi la sera, se possibile, e andare a dormire presto.
Proviamo a non arrabbiarci… Non coltiviamo rabbia e lamento. Dedichiamoci alla dolcezza, a partire dal cibo, nei nostri gesti, nelle nostre parole e nei nostri pensieri. Coccoliamoci!
L’autunno è una stagione che favorisce il raccoglimento. Approfittiamone per riorganizzare le nostre energie interiori, sia a livello fisico che mentale. Proviamo a lasciare andare il superfluo e creiamo spazio al bello.

 

piccoli cenni di ayurveda

Durante l’autunno e con poi con l’arrivo dell’inverno, quando c’è freddo e vento, per l’ayurveda si potrà avere uno squilibrio di Vata Dosha che è costituito dagli elementi aria ed etere. Quando c’è un suo squilibrio potremmo avere questi sintomi: debolezza, insonnia, vertigini, costipazione, gonfiore o rigidità addominale, flatulenza, problematiche all’intestino crasso, artrite, sciatica, disidratazione del corpo, un aumento dell’irritabilità e della preoccupazione, ansia, paura, potremmo sentirci emotivamente meno sicuri del solito, potremmo avere voglia di scappare. Per l’ayurveda se aumenta troppo l’influenza di Vata Dosha potremmo sentire il corpo freddo e le articolazioni più rigide del solito. Un aiuto può venire dal mantenersi idratati, bevendo acqua durante il giorno, ancora meglio se tiepida, aggiungendo, se ci piacciono thè e tisane calde. Copriamo il corpo, stiamo al caldo, compresa la testa e il collo, i piedi e la parte bassa della schiena. Aiutiamoci con una adeguata alimentazione a non raffreddare ulteriormente il corpo. Adattiamo la nostra pratica yoga al cambio di stagione.

piccoli consigli dal cuore

  • guardiamo meravigliati e grati i colori della natura in autunno
  • se il tempo lo permette stiamo all’aperto
  • prestiamo grande attenzione ai nostri reali bisogni
  • riflettiamo e pianifichiamo con calma e attenzione i mesi a venire
  • non prendiamo freddo
  • curiamo la nostra alimentazione
  • coccoliamoci
  • regaliamoci dolcezza e poi regaliamola a chi ci sta vicino
  • sorridiamo
  • non coltiviamo la rabbia e il lamento
  • rendiamo la nostra casa calda e accogliente
  • andiamo a dormire presto
  • 5 minuti di meditazione tutti i giorni

3

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec